Viaggi fotografici per veri esploratori
  • Facebook Nomad Reporters
  • NomadReporters
  • nomadreporters
SEGUICI!

VUOI AVERE MAGGIORI INFO SUI NOSTRI VIAGGI?

Per info fotografiche:
photo@chiarasalvadori.com
Per info logistiche
nomadreporters@gmail.com
© Nomad Reporters | Logo: Sara Fratto | Disegno logo: Fabio Cristoferi
Organizzazione Tecnica: Atonga Viaggi - Italia

Chiusura iscrizioni il 10/12/19!

PARAISO PERDIDO

3 POSTI!

Avventura fotografica tra i remoti altopiani della Puna Argentina, là dove regna il silenzio

La Puna Argentina è uno dei luoghi più remoti della Terra, difficile da individuare persino sulle mappe. Geograficamente si trova nel Nord-Ovest del Paese ed è un grande altopiano che si estende sulla Cordigliera delle Ande Centrali, tra i 3000 e i 6000 m di altitudine. Un paesaggio alieno di incredibile e rara bellezza, con dune bianche, lagune colorate, distese nere di basalto, deserti di sale e piramidi vulcaniche così perfette da sembrare costruzioni egizie. Quest’avventura con la A maiuscola parte dalla città coloniale di Salta, per poi salire attraverso la rigogliosa vegetazione pre-andina, fino a lasciare il posto ad un paesaggio desertico con cactus e meravigliose formazioni rocciose di colore rosso. Raggiungeremo poi Cafayate, noto centro di produzione del vino d’altura, per poi percorrere la celebre Ruta 40 e i suoi spettacolari canyon. Dopodiché saliremo nella remota Puna e per alcuni giorni viaggeremo su strade sterrate e impervie, tra i 3000 e i 5600 m di altitudine. Sarà un’autentica avventura on the road tra paesaggi lunari che ci catapulteranno in un tempo primordiale che sembra fermo a prima dell’avvento dell’uomo. Con gli occhi pieni di meraviglia ridiscenderemo infine verso Purmamarca e le sue montagne colorate, per concludere il nostro viaggio di nuovo a Salta. Passeremo intere giornate senza incrociare nessuno e vivremo esperienze uniche che non potrete vivere in nessun altro angolo della Terra, se non in questo luogo così difficile da raggiungere e che, proprio per questo, preserva ancora la sua naturale bellezza: un Paraíso Perdido.

ITINERARIO DI VIAGGIO

1° GIORNO - PARTENZA DALL'ITALIA

Ritrovo presso l’Aeroporto di Roma Fiumicino e partenza per Buenos Aires

Pernottamento in volo


2° GIORNO - SALTA

Scalo presso l’Aeroporto Internazionale di Buenos Aires e volo per Salta, nel nord dell’Argentina. Arrivo a destinazione e trasferimento privato presso il nostro alloggio dove lasceremo i bagagli e ci daremo una rinfrescata dopo il lungo viaggio. Il resto della giornata sarà dedicato alla visita di Salta “la linda”, città coloniale fondata nel 1582, situata a 1.152 m s.l.m. e circondata da verdi montagne. Gireremo tra i suoi principali edifici storici e non mancheremo di visitare il celebre MAAM (Museo Archeologico di Alta Montagna) con importanti reperti della cultura Inca. Qui si trovano inoltre i corpi mummificati di 3 bambini rinvenuti nel 1999 sulla cima del Vulcano Llullaillaco (6.735 m s.l.m.), dove morirono in seguito ad un sacrificio rituale compiuto dagli Inca. I corpi vengono esposti a turno ogni 6 mesi per permetterne la conservazione. La sera ceneremo nel nostro splendido alloggio dove assaporeremo la tipica accoglienza argentina.

Pernottamento in Finca con camera doppia e bagno privato a Salta

3° GIORNO - RUTA 33 / RUTA 40 / CAFAYATE

Oggi comincia la nostra avventura in 4x4! Dopo un’ottima colazione e dopo aver sistemato le valigie nei pick-up partiremo alla volta della Ruta 33 che collega Salta a Molinos tramite la Cuesta de Obisbo: attraverseremo ben 5 diversi ecosistemi, dalla ricca vegetazione pre-andina fino ai deserti di cactus. Percorreremo il Parco Nazionale Los Cardones con i suoi tipici cactus a candelabro, fino a raggiungere il piccolo villaggio in adobe di Molinos a 2.499 m di altitudine. Imboccheremo poi la splendida Ruta 40 e ci inoltreremo nella Quebrada de Las Flechas, un paesaggio surreale di montagne sagomate dal vento a formare come delle grandi punte di frecce. Raggiungeremo infine la nostra meta finale della giornata, la cittadina di Cafayate, dove viene prodotto dell’ottimo vino di altura. Cena libera.  

Pernottamento in Hotel con camera doppia e bagno privato a Cafayate


4° GIORNO -QUEBRADA DE LAS CONCHAS / QUILMES / EL PEŇÓN

Oggi visiteremo uno dei paesaggi più straordinari di questo viaggio: la Quebrada de las Conchas, un territorio selvaggio con incredibili formazioni di arenaria color ocra che ricordano tanto i parchi del Sud-Ovest degli Stati Uniti. Raggiungeremo poi le rovine dell’antico insediamento dei Quilmes, un’agguerrita tribù che difese con coraggio questi territori dai conquistatori spagnoli per oltre un secolo. Proseguiremo poi lungo la Ruta 40 fino all’oasi di Hualfin, un piccolo villaggio di viticoltori straordinariamente verde e fertile, nonostante l’arido territorio in cui si trova. Da qui comincerà la nostra salita nella remota Puna dove supereremo i 3000 m di altitudine. Una volta passata la duna di sabbia bianca di Randolf ecco che si apriranno davanti a noi gli spettacolari paesaggi desertici di questo grande altipiano tra branchi di vigogne, lagune colorate e laghi di sale. Qui le nuvole vengono bloccate dalle alte montagne andine, per cui la pioggia è rarissima e c’è solo il 3% di umidità. Ad accoglierci ci sarà il piccolissimo villaggio di El Peñón a 3.400 m di altitudine, la nostra base di partenza per i prossimi tre giorni di esplorazioni. 

Pernottamento in Locanda con camera doppia e bagno privato a El Peñón

5° GIORNO - CAMPO PIÉDRA POMES / CARACHI PAMPA / DUNAS BLANCAS

Svegliarsi in questo angolo remoto di mondo sarà come svegliarsi su un altro Pianeta! In ogni direzione si volge lo sguardo la natura primordiale di montagne colorate e minerali non finisce mai di stupire e di regalarci spunti fotografici di rara bellezza. Fotografare in questi luoghi dove la forte luce del sole abbaglia non sarà un’impresa facile, ma di sicuro sarà estremamente appagante. Di prima mattina ci recheremo alla meravigliosa laguna colorata di Carachi Pampa dove potremo fotografare branchi di fenicotteri rosa, di lama e di vigogne. Cammineremo poi sulla maestosa Dunas Blancas dove faremo il nostro pranzo al pic-nic e, dopo un lungo tragitto sterrato, ci ritroveremo nel surreale paesaggio del Campo de Piédra Pomes. Qui un’antica eruzione vulcanica ha generato una città di una miriade di monoliti di pietra pomice erosi dal vento. Uno spettacolo davvero incredibile! Dopo questa intensa giornata e con la luce del tramonto ad accendere il paesaggio ritorneremo nel nostro alloggio a El Peñón, dove ceneremo tutti insieme. 

Pernottamento in Locanda con camera doppia e bagno privato a El Peñón


6° GIORNO - LAGUNA GRANDE / CRATERE GALAN / LAGUNA DIAMANTE

Se la giornata di ieri vi ha lasciati senza fiato, in quella di oggi non riuscirete a contenere l’emozione! Prenderemo la tortuosa strada sterrata che conduce al Vulcano Galan, sopra i 4.000 m di altitudine. Incontreremo il grande lago salino della Laguna Grande, dove si radunano una moltitudine di uccelli, e discenderemo nella grande caldera del Cerro Galan (6.100 m s.l.m.), di ben 40 Km di diametro, un vulcano dal cuore attivo ma quiescente. In questa caldera a 4.700 m di altitudine si trovano antiche lagune colorate, come la cangiante Laguna Diamante. La colorazione di queste acque è dovuta principalmente alla presenza di alghe, sali minerali, arsenico e boro. Ci troviamo in una delle zone più disabitate, aride e remote dell’Argentina, che ospita più di 200 vulcani. Dopo un pranzo a pic-nic in mezzo a queste meraviglie partiremo per il lungo rientro a El Peñón, fermandoci di tanto in tanto a fotografare il paesaggio che muta continuamente. La sera ceneremo di nuovo tutti insieme alla locanda.

Pernottamento in Locanda con camera doppia e bagno privato a El Peñón


7° GIORNO - ANTOFALLA / SALAR ARIZARO /TOLAR GRANDE

Oggi ci aspetta un altro lungo ed epico viaggio nel cuore desertico delle Ande. Attraverseremo i pascoli circondati dai neri campi di basalto di Antofagasta de la Sierra, ci muoveremo a quote comprese tra i 3000 e i 4000 m di altitudine e raggiungeremo la piccolissima oasi di Antofalla che conta poche decide di abitanti. Qui pranzeremo presso una famiglia locale, per poi attraversare lo spettacolare paesaggio lunare del Salar de Antofalla, che con i suoi 163 Km di lunghezza è il deserto di sale più lungo del mondo. Ci aspetta poi la surreale visione del Cono di Arita, un vulcano di 400 m che per via della sua forma peculiare viene definito il cono più perfetto del pianeta. Questo vulcano si erge solitario nel mezzo del Salar de Arizaro, il secondo giacimento di sale più grande della Terra dopo quello di Uyuni in Bolivia. Giungeremo infine nel piccolissimo e antico villaggio ferroviario di Tolar Grande a 3.508 m che conta appena una trentina di abitanti e dove trascorreremo le prossime due notti.  

Pernottamento in Locanda con camera doppia e bagno privato a Tolar Grande


8° GIORNO - MINA CASUALIDAD / MINA JULIA / SALAR RIO GRANDE

Nei giorni precedenti abbiamo sempre viaggiato ad altitudini elevate, ma oggi andremo quasi a sfiorare le nuvole! La nostra principale destinazione è Mina Casualidad a 4.200 m di altitudine, una cittadina mineraria abbandonata che arrivò a contare ben 3000 abitanti prima che chiudessero la miniera di zolfo. Qui percorreremo una delle rare strade asfaltate di questo viaggio, costruita per collegare la città con il villaggio di Caipe (anch’esso abbandonato) dove portavano i minerali per continuare il loro viaggio tramite l’unica ferrovia che collegava l’Argentina al Cile attraverso le Ande. La nostra meta finale è proprio Mina Julia a 5.500 m di altitudine. Qui fino al 1976 vivevano oltre 200 minatori che con piccone e dinamite estraevano lo zolfo per poi trasportarlo a Mina Casualidad e a Caipe. Da questa altitudine e proprio al confine con il Cile, il paesaggio intorno è incredibile e si potranno osservare alcune delle montagne più alte delle Ande, tra cui il Vulcano Llullaillaco (6.735 m), dove nel ‘99 una spedizione del National Geographic scopri i corpi perfettamente conservati dei 3 bambini custoditi ora al Museo MAAM di Salta. Dopo questa splendida esperienza e dopo un pic-nic tra gli edifici abbandonati di Mina Casualidad, ridiscenderemo verso il Salar Rio Grande, per poi rientrare a Tolar Grande per la cena.

Pernottamento in Locanda con camera doppia e bagno privato a Tolar Grande


9° GIORNO - DESERTO LABIRINTO / SALINAS GRANDES / PURMAMARCA

La prima mattinata sarà dedicata alla scoperta degli Ojos Del Mar, tre pozzi profondi alcuni metri pieni di acqua ad elevata salinità ed estremamente limpida. Questi pozzi sono studiati e protetti perché ospitano un raro organismo unicellulare presente in pochissimi luoghi del pianeta. Dopo aver attraversato il surreale Salar del Diablo, raggiungeremo poi il Deserto del Labirinto che, come suggerisce il nome, è un vero e proprio labirinto di formazioni di arenaria dall’intensa colorazione rossa. Il nostro viaggio continuerà poi alla Salinas Grandes, un enorme specchio bianco di sale a 3.600 m di altitudine e lungo più di 55 Km. A questo punto lasceremo l’altopiano della Puna per scendere verso Purmamarca, un grazioso villaggio di casette in adobe celebre per il Cerro de Los Siete Colores, una formazione rocciosa dalla forma frastagliata la cui gamma cromatica è la conseguenza di una serie di sedimenti marini, fluviali e lacustri accumulati nel corso dei secoli. A Purmamarca sarà possibile fare un po’ di shopping tra i bei negozietti di artigianato locale, per poi trascorrere la serata in compagnia. Cena libera.

Pernottamento in Hotel con camera doppia e bagno privato a Purmamarca

10° GIORNO - HUMAHUACA / MIRADOR HORNOCAL / SALTA

Dopo colazione lasceremo Purmamarca per la Quebrada de Humahuaca, un profondo canyon con spettacolari formazioni rocciose e sinuose venature policrome. Questa valle, proprio per la sua peculiare caratteristica e mutevole tonalità di colore, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Potremmo ammirarla e fotografarla dall’alto del Mirador Hornocal. Faremo inoltre un giretto per le graziose cittadine di Tilcara e Humahuaca, per partire poi alla volta di Salta dove ci aspetta un’altra cenetta nella nostra splendida Finca.

Pernottamento in Finca con camera doppia e bagno privato a Salta

11° GIORNO - SALTA / PARTENZA

Mattinata libera di relax per riposarsi dopo questo avventuroso viaggio. Ci si potrà godere l’ambiente tranquillo del nostro alloggio e magari fare un tuffo in piscina, oppure si potrà concordare qualche altra attività in loco. Pranzo libero e nel pomeriggio trasferimento privato presso l’aeroporto di Salta dove in serata avremo il volo di rientro per Roma con scalo a Buenos Aires.

Pernottamento in volo

12° GIORNO - ITALIA

Arrivo a Roma Fiumicino nel tardo pomeriggio.

Fine dei servizi

L’itinerario potrebbe subire delle variazioni a causa del meteo o di altri possibili imprevisti. L’accompagnatore si adopererà al meglio per garantire lo svolgimento completo del programma. Si ricorda anche che il gruppo di viaggiatori potrà concordare con l’accompagnatore, cambi di itinerario o escursioni aggiuntive, previa fattibilità e disponibilità.

Verrà inoltre aperta una chat di discussione su WhatsApp in cui ci si organizzerà per la partenza e vi verranno forniti consigli utili su come prepararsi al meglio per il viaggio. Al ritorno verrà anche aperto un gruppo segreto su Facebook in cui la fotografa sarà a vostra disposizione per visionare i vostri scatti e darvi qualche suggerimento per la post-produzione. Il gruppo rimarrà aperto per 1 mese. Qualora non foste presenti su Facebook si resterà in contatto via mail.

Periodo

19-30 Marzo 2020 (12 giorni/10 notti)

 

Partecipanti

Min 5 - Max 8

 

0663_LasConchas.jpg
1265_CarachiPampa.jpg
1354_DunasBlancas.jpg
1558_LagunaPavillon.jpg
1793_SalarAntofalla-15.jpg
1995_MinaJulia.jpg

Cosa si fotograferà

Paesaggio, street, ritratti e notturni.

 

Chi può partecipare

Il viaggio non è rivolto solo ai fotografi per hobby o per professione, ma a tutti gli appassionati di viaggio che vogliono raccontare attraverso belle immagini la loro esperienza, ai loro accompagnatori, e con qualunque tipo di macchina fotografica (reflex full frame o entry level, mirrorless, bridge, ecc…). L’importante è avere lo spirito di avventura e tanta voglia di conoscenza. I nostri viaggi fotografici sono studiati con tempistiche tali da permettervi di raccogliere le foto migliori nei momenti migliori della giornata. E potrete inoltre condividere la vostra passione con tutti gli altri partecipanti!

Attrezzatura consigliata

Per i fotografi amatoriali e non, oltre ovviamente alla fotocamera, è consigliato portare con sé un cavalletto, batterie di riserva, schedine SD capienti, tutti gli obiettivi di cui si dispone (possibilmente sia zoom che grandangolo), sacchetti antipioggia per la macchina fotografica, zaino o borsa impermeabili, panni adatti alla pulizia delle lenti, eventuali filtri e un taccuino in cui annotare cosa si fotografa e le proprie impressioni. Sono consigliabili inoltre abbigliamento e scarpe comodi.

Avvisi e Difficoltà

Trattandosi di un viaggio ad elevate altitudini è probabile imbattersi nel mal di altura che si previene normalmente bevendo molta acqua (fornita dalle nostre guide in loco). Se si è predisposti al mal di montagna consigliamo di consultare il proprio medico prima di partire. 

Questo viaggio è sconsigliato a chi soffre di problemi cardio-circolatori, respiratori o di pressione alta. Qualora si soffrisse di una di queste patologie è obbligatoriamente richiesto il foglio medico per poter partecipare. 

In Puna Argentina tutte le strade che affronteremo, salvo rari casi, sono sterrate e sconnesse e si percorreranno lunghi tragitti in auto. Questo viaggio è pertanto sconsigliato a chi soffre di mal d’auto, salvo affrontarlo con le dovute precauzioni. 

Le sistemazioni alberghiere a El Peñón e Tolar Grande sono molto semplici ma pulite e dotate dell’essenziale. Tuttavia essendo le uniche presenti ci vorrà un po’ di spirito di adattamento. A El Peñón la corrente elettrica è fornita solo dalle 17.30 alle 23. L’acqua calda c’è ma è limitata, per cui bisogna usarla con parsimonia. Durante la permanenza in Puna non ci sarà connessione internet e i cellulari non funzioneranno. Il Wi-Fi è presente a El Peñón solo nell’area comune e solo durante le ore di elettricità.

Clima e Abbigliamento

In Argentina le stagioni sono invertite rispetto alle nostre, a fine marzo sarà dunque l’inizio dell’autunno. Il clima in Puna è di tipo desertico, molto secco e con forti escursioni termiche dal giorno alla notte. La temperatura di giorno può superare anche i 30°, mentre di notte può scendere sotto lo 0. Diverso invece per le zone di Salta, Cafayate e Purmamarca dove la temperatura media è di circa 20° e l’escursione termica è inferiore. Si consiglia dunque di portare sia abiti leggeri (magliette, pantaloncini, camicie) che pesanti (felpa, pile, giacca imbottita, calze calde, giacca a vento, berretto). E’ inoltre indispensabile portare scarpe da trekking, occhiali d’alta montagna con protezione laterale e filtro UV per via del forte sole, crema solare con fattore di protezione alta, un copricapo per il sole, burrocacao, una torcia elettrica e una borraccia.    

Documenti

Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi

I vostri accompagnatori

Chiara Salvadori - Fotografa

Prezzo a persona

3.390€ | LE ISCRIZIONI CHIUDONO IL 10 DICEMBRE 2019!

Sistemazioni

Hotel e Locande con camere doppie, letti singoli e

bagno privato

 

La quota comprende

  • Trasferimento privato da e per l’aeroporto di Salta

  • Fuoristrada 4x4 

  • Guida/Driver esperto parlante italiano

  • Fotografa Professionista dall’Italia

  • Tutti gli alloggi citati in programma in camera doppia con bagno privato

  • Tutte le colazioni, i pranzi e le cene, tranne le cene a Cafayate e a Purmamarca e il pranzo dell’ultimo giorno a Salta

  • Visite ed escursioni come da programma e gli ingressi

  • Assicurazione Medico/Bagaglio

  • Assicurazione Annullamento

  • Fee Agenzia

  • Gruppo su WhatsApp

  • 1 mese di assistenza online alla post-produzione fotografica al ritorno dal viaggio tramite gruppo privato su Facebook

La quota non comprende

  • Volo a/r intercontinentale da Roma a Salta da quotare al momento della conferma del gruppo. Il costo approssimativo è in media di 1.200€

  • 2 cene e 1 pranzo

  • Extra Personali, Bevande e Mance

  • Attività Facoltative Proposte in loco

  • Tutto ciò che non è nella “Quota comprende”

Cassa Comune

Nessuna

 

TOUR CONFERMATO!

Los Cardones